18.5 C
Bologna
venerdì, Aprile 23, 2021

Il 70% degli autolavaggi perde circa 3 clienti ogni giorno e sai di chi è la colpa? Dei loro aspirapolvere!

Ogni giorno circa il 70% degli autolavaggi italiani perdono da 1 a 3 clienti.

La ‘responsabilità’ di questo dramma è da attribuire ai loro aspirapolvere!

In qualunque autolavaggio l’aspirapolvere ricopre un terzo dell’importanza tra le attrezzature, eppure malgrado questo, spesso è quella che riceve meno attenzioni e considerazioni da parte del lavaggista.

Nella maggioranza dei casi la prima cosa che il cliente nota quando arriva nel tuo autolavaggio è proprio l’aspirapolvere, nota l’aspetto estetico, la rumorosità, l’odore che emana, il modo in cui viene utilizzata

Ora vedremo nel dettaglio i 4 punti che ho descritto, ma lo farò dal punto di vista del cliente, non dal mio…

…alla fine dell’articolo capirai anche cosa c’entra il tuo aspiratore con il marketing. 

ASPETTO ESTETICO

In questo caso possiamo proprio dire che l’abito fa il monaco.

Cosa dovrebbe pensare un cliente vedendo che gli aspiratori utilizzati nel tuo autolavaggio hanno fusti in plastica sbiaditi dal sole o quelli in ferro hanno la ruggine o nella peggiore dei casi sono senza una o più ruote o con la cappella dei motori attaccata con il nastro isolante? 

  1. Penserà che sei negligente e che non hai cura della tua attrezzatura e a quel punto gli verrà naturale chiedersi come potrai avere cura della sua auto
  1. Proverà tristezza per la tua attività, penserà che gli affari ti vanno così male da non poterti permettere nemmeno degli aspiratori in buone condizioni
  1. Il cliente non pensa niente e se ne frega perchè è totalmente in target con il tuo autolavaggio: prezzo basso – bassa qualità

RUMOROSITÀ

Se c’è una cosa fastidiosa è arrivare in un autolavaggio e venire sommersi dal chiasso di uno o più aspiratori che urlano come se stessero per esplodere da un momento all’altro.

A volte si vedono clienti correre dopo aver lasciato l’auto per allontanarsi il prima possibile da quel rumore assordante.

Se il rumore generato dal tuo aspiratore non rispetta gli standard di qualità, non farà altro che generare inquinamento acustico.

L’inquinamento acustico è un insieme di effetti negativi prodotti dai rumori presenti nell’ambiente circostante, nel caso dell’autolavaggio abbiamo il rumore prodotto dalla idropulitrice, dal compressore, dagli aspiratori, dalle ventole di asciugatura, solo per citarne alcuni.

Il cliente che si trova nel tuo autolavaggio ed è esposto a questo tipo di inquinamento viene profondamente disturbato, e questo influisce negativamente sul suo atteggiamento e ne condiziona il comportamento d’acquisto!

ODORE

In alcuni autolavaggi mi è capitato di sentire la puzza di cane bagnato che veniva da uno o più aspiratori in uso e ogni volta mi sono chiesto cosa avranno pensato i clienti…

Arrivare in un autolavaggio è sentire puzza ha lo stesso significato di appendere un cartello fuori dall’impianto con scritto “In questo autolavaggio non abbiamo bisogno di clienti, andate altrove…

Marketing olfattivo, sai cos’è? 

Chiunque passi davanti a un forno nel momento in cui viene sfornato il pane o gli altri prodotti da banco è difficile che sappia resistere alla tentazione di entrare e comprare qualcosa.

Basterebbe un’esperienza così comune per spiegare come funziona il marketing olfattivo, quel complesso di strategie che usa odori e profumi per vendere, migliorare l’esperienza del cliente.

Quindi se tanto mi da tanto, il profumo attira la clientela, la puzza la allontana. 

UTILIZZO

Ho provato dolore negli anni vedendo quei poveri aspiratori maltrattati, spinti qua e là per il piazzale, nemmeno fossero in colpa per qualcosa. I tubi o i cavi elettrici schiacciati dalle ruote delle auto, nemmeno ve li avessero regalati quegli aspiratori.

Per non parlare della gestione del tuboflex… 

…Sai quanto girano i maroni al cliente vedendo che il tubo dell’aspirapolvere prima di essere utilizzato all’interno della sua auto, viene portato a spasso per il pavimento e che poi tutto ciò che viene raccolto va a finire dentro il suo abitacolo?

Te lo dico io: è una cosa che disgusta la maggioranza dei clienti!

Ma che possono farci, negli autolavaggi della loro zona è la regola, finché poi non apre un autolavaggio che ha trovato il sistema per evitare questa disgustosa abitudine e allora il cliente ti molla e se ne va!

CONCLUSIONI

Tutto quello che abbiamo visto in queste breve articolo era concentrato sull’aspirapolvere utilizzata nell’autolavaggio. Tornando all’inizio cosa c’entra l’aspirapolvere con il marketing?

Esistono diverse definizioni possibili del marketing, a seconda del ruolo che il marketing ricopre, quella che m’interessa farti conoscere è il Marketing Esperienziale, di cosa si tratta? 

Il marketing esperienziale fonda le sue fondamenta sull’esperienza del cliente, o meglio ancora quello che il cliente prova quando entra in contatto con te, la tua attività e il modo in cui la svolgi.

Ogni cosa che si trova nel tuo autolavaggio, con la quale il cliente entra in contatto, influisce positivamente o negativamente sulla sua esperienza.

Il tuo cliente entra in contatto con ciò che è presente nel tuo autolavaggio con la maggior parte dei sensi che ha a disposizione, come vista, udito, olfatto e tatto, se terrai conto di questo non potrai che prosperare con la tua attività.

ARTICOLI CORRELATI

- Advertisement -

ARTICOLI RECENTI

error: Content is protected !!